Milano, torneo internazionale 1933

               
                        1 2 3 4 5 6 
 1.   Lilienthal (HUN)  * ½ 1 1 1 1   4,5
 2.   Karlin (Svezia)   ½ * ½ 1 1 1   4
 3.   Gandolfi V.U.     0 ½ * 1 1 1   3,5
 4.   Napoli            0 0 0 * 1 1   2
 5.   Biava (Argentina) 0 0 0 0 * 1   1
 6.   Ferrantes         0 0 0 0 0 *   0
 

Un torneo internazionale minore e dimenticato nei resoconti moderni.
Il giovane ungherese Lilienthal nel 1933 aveva già realizzato un notevole 10/13 alle Olimpiadi di Folkestone, ed era giunto 3° a Budapest nel torneo internazionale vinto da Canal.
Lo svedese Karlin difese più volte negli anni '30 i colori della sua nazione nei tornei olimpici.
Vito Umberto Gandolfi (classe 1906) giocò poco a scacchi (curò insieme a Rosselli la rubrica scacchistica su "La Domenica dei Giuochi"), poi si dedicò al bridge conquistando anche il titolo europeo. Negli scacchi avrebbe potuto raggiungere un buon livello.
Ernesto Napoli partecipò a numerosi magistrali e campionati italiani, senza mai raggiungere la promozione a maestro, ed ottenendo quella a candidato maestro all'introduzione del titolo.
Dell'argentino Biava non si hanno molte informazioni.
Il maestro Ferrantes, reduce dalla bella prestazione al torneo Padulli, "parve sfuocato e fuori esercizio".

Torna a Tornei internazionali giocati in Italia

Torna ai tornei 1930/39

Torna alla home page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs