1972 - 19°Festival Internazionale di La Spezia

 

La diciannovesima edizione del festival, tenutasi dall’11 al 19 marzo 1972 nuovamente presso la "Sala Dante", vede il dominio di Roberto Cosulich, sia nel torneo magistrale, vinto con 7/9, che nel 9° Campionato italiano lampo, dominato con 10/11.

Il magistrale è da record, con ben 26 partecipanti, tra cui quindici stranieri. La marcia di Cosulich è costante, con il solo infortunio patito contro il terzo classificato Vujovic, quando commette una svista in una posizione nettamente superiore. Grossa sorpresa desta il diciassettenne svizzero Schauwecker, di recente in evidenza anche ai campionati europei giovanili, che giunge secondo ed imbattuto. Terzo è Vujovic, fortunato con Cosulich e scorretto al’ultimo turno con Micheli, quando si rifiuta di muovere un pezzo toccato e riesce a ribaltare una posizione perdente grazie alla arrabbiatura dell’italiano. Al quarto posto vi è un gruppetto comprendente il bravo Capece, che fallisce di poco la norma decisiva per il titolo magistrale, e tre stranieri. nella pattuglia di svizzeri e austriaci sis ono messi in evidenza, oltre al secondo classificato, Z’Berg e Lehmensick, mentre Huss, accreditato di uno stratosferico Elo iniziale (2360), ha deluso le aspettative. Micheli meritava il terzo posto ed abbiamo già detto dell’episodio finale, il bravo Natalucci ha dimostrato un buon progresso. Teani non riesce a ripetere la prestazione dell’anno precedente. Assente Albano, portacolori locale è Lattarulo, coraggioso ma ancora inesperto a questi livelli. Il maestro Calapso si è ritirato dopo il terzo turno per problemi familiari.

Il prima classe vede l’inserimento del fiorentino Cecconi tra i forti stranieri. Bene anche Diana e Weinberg. Il vincitore Jovanovic si aggiudica la Coppa Donato Pace.

Il seconda classe vede un successo a tre per gli esperti Raveggi e Festa e per il giovane e promettente spezzino Godani, vincitore per il secondo anno consecutivo della Coppa Zoppi.

Il combattuto torneo di terza classe viene vinto con grande sicurezza da Mauro Reggiani. Nei primi otto ben quattro giovani dell’area La Spezia-Massa, segno dell’importanza di una manifestazione come questa e della bontà del lavoro portato avanti da Arnaldo Pace.

Torneo magistrale: 1° Cosulich (MI) 7/9; 2°Schauwecker (Svizz.) 6½; 3°Vujovic (Jug.) 6; 4°-7°Capece (MI), Lehmensik (Aut.), Radojevic (Jug.), Zberg (Svizz.) 5½; 8°-10°Cannon (GB), Micheli (Brunico) e Natalucci (MI) 5; 11°-16°Berlacki (Fra.), Dimitrijevic (Jug.), Huss (Svizz.), Manzardo (TO), Offert (Germ.) e Teani (MS) 4½; 17°-20°Lierherr (Svizz.), Nickl (Aut.), Romani (Lecco), Rossi G.P.(Erba) 4; 21°-23°D'Augusta (GE), Fricker (Fra.), Rometti (Fra.) 3½; 24°Kieser (Svizz.) 3; 25°Lattarulo (SP) 2½; 26°Calapso (Roma) 1½ (rit.)

Torneo 1 classe: 1°Jovanovic (Jug.) 7½/9; 2°-3°Cecconi (FI) e Markovic (Jug.) 6; 4°-7°Diana (TO), Reinecke (Ger.), Lorenz (Aut.) e Weinberg (Verona) 5½; 8°-9°Carrara (FI) e Ponzetto P. (TO) 5; 10°-11°Comuzzi (RE) e Da Pozzo (SP) 4½; seguono in undici

Torneo 2 classe: 1°-3°Raveggi (MS), Festa (TO) e Godani (SP) 6½/9; 4°-5°Banti (AL) e Mohar (BG) 6; seguono in cinque

Torneo 3 classe: 1°Reggiani (RE) 7½/9; 2°-3°Haas (Ger.) e Marasco (PG) 6½; 4°-5°Monopoli M. (GE) e Rinesi (SP) 6; 6°-8°Lazzoni (Sarzana), Mauri (MS) e Raffaelli (MS) 5½; seguono 20 giocatori

Torna agli scacchi a La Spezia

Torna alla home page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs