1963 - 10°Festival Internazionale di La Spezia

 

L’edizione del decennale vede al via 64 concorrenti in rappresentanza di 8 nazioni, suddivisi nel torneo principale, in due sussidiari e nei quarti di finale del campionato italiano, un torneo alla sua prima edizione assoluta.

Il torneo è stato regolarmente seguito dalla stampa e dalla RAI-TV, che ha messo in onda sulla rete nazionale un bel servizio sull’evento.

Il magistrale, con 14 giocatori, 5 maestri e 9 candidati, si conclude con un podio tutto slavo, ma sono da elogiare apertamente due giovani italiani, il veneziano Rosino, campione italiano dei giovani, autore di uno splendido 5/6 dopo le due sconfitte iniziali, e che consegue il titolo di maestro; lo spezzino Antonio Pace, classificatosi 4°-5° alla pari con il forte Todorcevic davanti a diversi maestri.

Il sussidiario A viene vinto dal non vedente Dragun, già vincitore del sussidiario B nel 1962.Bravo secondo il fiorentino Cambi, mentre lo spezzino Donato Pace resta al di sotto delle sue possibilità.

Il sussidiario B parla ancora slavo, Bulimbasic davanti al non vedente Sakic e al genovese Zavanone.

Il quarto di finale del campionato italiano, con in palio 4 posti per la semifinale, vede il dominio del romano Meo, sconfitto solo da V.Garvani.

 

Torneo principale

1

2

3

4

5

6

7

8

 

1

Susic (Jugosl.)

½-2

1-12

1-6

½-3

1-11

1-8

1-7

½-5

2

Zaradic (Jugosl.)

½-1

½-10

1-5

1-9

½-3

1-11

1-6

1-8

3

Gyantar (Jugosl.)

1-13

1-5

1-11

½-1

½-2

1-6

1-8

0-4

6

4

Rosino (Venezia)

0-5

0-13

1-14

1-12

1-10

0-7

1-9

1-3

5

5

Pace A. (La Sp.)

1-4

0-3

0-2

1-14

0-6

1-10

1-11

½-1

6

Todorcevic (Jug.)

½-8

1-7

0-1

1-10

1-5

0-3

0-2

1-13

7

Magrin (Vicenza)

0-9

0-6

1-12

1-13

0-8

1-4

0-1

1-10

4

8

Joksic (Jugosl.)

½-6

1-14

1-9

0-11

1-7

0-1

0-3

0-2

9

Beggi (Pisa)

1-7

0-11

0-8

0-2

½-13

1-12

0-4

½-14

3

10

Fricker (Francia)

½-12

½-2

1-13

0-6

0-4

0-5

1-14

0-7

3

11

Tackels (Belgio)

1-14

1-9

0-3

1-8

0-1

0-2

0-5

0-12

3

12

D’Augusta (Ge)

½-10

0-1

0-7

0-4

½-14

0-9

½-13

1-11

13

Rometti (Francia)

0-3

1-4

0-10

0-7

½-9

0-14

½-12

0-6

2

14

Schmalz (Svizz.)

0-11

0-8

0-4

0-5

½-12

1-13

0-10

½-9

2

Sussidiario A: 1°Dragun (Jug.) 6½/8; 2°Cambi (Fi) 6; 3°-5°Krause (Ger.), Lorenz (Austria) e Stevanovic (Jug.) 5; 6°-9°Comuzzi (R.E.), Ferri (Roma), Kabranov (Jug.) e D.Pace (SP) 4½; 10°-12°Arni (Svizz.), Pieraccini S. (Viareggio) e Zoppi (SP) 4; 13°-14°Rollandi (SP) e Salonia (NA) 3½; 15°Oldoini (SP) 2½; 16°-17°Balestri (Carrara) e Nicoletti (SP) 2; 18°Favilli (SP) 1

Sussidiario B: 1°Bulimbasic (Jug.) 5½/7; 2°-3°Sakic (Jug.) e Zavanone (GE) 5; 4°-5°Gagliardi (Pisa) e Lamberti (SP) 4½; seguono 9 concorrenti

Quarto di finale del campionato italiano: 1°Meo (Roma) 7/8; 2°-3°V.Garvani (SP) e Kovacic (Trieste) 6½; 4°Pistone (TO) 5; 5°-6°Dell’Olivo (Belluno) e Minetti (TO) 4½; seguono altri 12 partecipanti

 

Torna agli scacchi a La Spezia

Torna alla home page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs