1962 - 9°Festival Internazionale di La Spezia

 

Tra il 17 ed il 25 di marzo, presso la Sala Dante, si tiene la nona edizione del San Giuseppe, divenuto oramai un punto di riferimento nel calendario nazionale. I partecipanti complessivi sono 68 in rappresentanza di ben 11 nazioni, un successo inarrestabile. Vediamo brevemente il resoconto dei sei tornei.

Principale: al via lo straordinario slavo Baretic, rimasto cieco e mutilato di una mano all’età di nove anni per lo scoppio di un ordigno bellico, gioca la partita senza l’ausilio della apposita scacchiera, tenendo tranquillamente a mente la posizione ed avventurandosi in complicati seguiti spesso ignorati dall’avversario; Baretic riesce a vincere ben sei partite, tra cui quella con il grande maestro Canal, ma la sconfitta contro Norcia consegna il successo finale all’altro slavo Panov, autore di una ottima prestazione. Un bravo al pisano Beggi, a lungo con i primi, che si è giocato le possibilità di un successo finale nello scontro diretto del penultimo turno contro Panov. Esteban Canal, il formidabile giocatore peruviano, per la prima volta partecipante alla nostra manifestazione ed atteso come uno dei favoriti, è stato indisposto per buona parte del torneo. Antonio Pace, per la prima volta nel torneo Principale, riesce ad evitare l’ultima posizione e nel complesso non sfigura contro i nove maestri presenti.

Sussidiario A: torneo con dieci candidati maestri dominato dagli slavi, mentre Lamberti è inferiore alle attese.

Sussidiario B: anche in questo torneo dominio slavo, con il primo posto di un altro non vedente, Dragun, ma buone prove di Donato Pace, che ha sciupato anche alcune promettenti occasioni, e di Vittorio Garvani. Regolare il torneo di Da Pozzo e Vaselli.

Sussidiario C: il genovese Milanta si fa scavalcare all’ultimo turno dallo slavo Peljin; in ombra i due spezzini Rollandi e Zoppi, anche se quest’ultimo vanta una vittoria su Gagliardi e i pareggi contro Peljin e Tozser.

Sussidiario D: successo senza problemi di Centanin, i nostri rappresentanti sono deludenti.

Sussidiario E: disputatosi con sistema svizzero, ha visto la netta vittoria del romano Meo; ma un bravo va al lericino Piaggi, giunto quarto e promosso prima categoria federale. In gara anche la giovane e simpatica signorina Cauquil di Nizza, che realizza 4/9 e viene premiata con "un grazioso orologio, offerto da una nota casa, ed un mazzo di tulipani".

La Spezia, 9° San Giuseppe scacchistico 1962

Torneo Principale

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

 

1

Panov (Jugoslavia)

X

½

1

1

1

1

1

1

½

1

8

2

Baretic (Jugoslavia)

½

X

1

0

1

1

½

1

1

1

7

3

Beggi (Pisa)

0

0

X

1

1

½

1

1

1

1

4

Norcia (Reggio Emilia)

0

1

0

X

0

1

½

1

1

1

5

Tamburini (Bologna)

0

0

0

1

X

½

1

½

1

1

5

6

Rometti (Francia)

0

0

½

0

½

X

½

1

½

1

4

7

Seitz (Argentina)

0

½

0

½

0

½

X

½

½

1

8

Canal (Perù)

0

0

0

0

½

0

½

X

1

1

3

9

Pace Antonio (La Spezia)

½

0

0

0

0

½

½

0

X

½

2

10

Fricker (Francia)

0

0

0

0

0

0

0

0

½

X

½

 

Sussidiario A

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

 

1

Bukan (Jugoslavia)

X

½

½

1

1

½

1

1

1

1

2

Jokovic (Jugoslavia)

½

X

1

0

1

1

1

1

1

1

3

Jovic (Jugoslavia)

½

0

X

1

1

1

1

½

½

1

4

Mirkovic (Jugoslavia)

0

1

0

X

½

1

0

1

1

1

5

Rosino (Venezia)

0

0

0

½

X

0

1

1

1

1

6

Tackels (Belgio)

½

0

0

0

1

X

0

½

1

1

4

7

Teani (Massa)

0

0

0

1

0

1

X

½

0

1

8

Lamberti (La Spezia)

0

0

½

0

0

½

½

X

1

0

9

Schmalz (Svizzera)

0

0

½

0

0

0

1

0

X

½

2

10

Schwinner (Austria)

0

0

0

0

0

0

0

1

½

X

 

Sussidiario B

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

 

1

Dragun (Jugoslavia)

X

0

½

1

1

1

1

1

1

1

2

Joksimovic (Jugoslavia)

1

X

½

½

½

1

1

½

1

1

7

3

Basta (Jugoslavia)

½

½

X

½

½

½

1

½

1

1

6

4

Pace Donato (La Spezia)

0

½

½

X

1

0

1

½

1

½

5

5

Garvani V. (La Spezia)

0

½

½

0

X

½

½

1

1

½

6

Lorenz (Austria)

0

0

½

1

½

X

0

1

0

1

4

7

Da Pozzo (La Spezia)

0

0

0

0

½

1

X

0

1

1

8

Vaselli (La Spezia)

0

½

½

½

0

0

1

X

0

½

3

9

Ferri (Roma)

0

0

0

0

0

1

0

1

X

½

10

Campioli (Bologna)

0

0

0

½

½

0

0

½

½

X

2

 

Sussidiario C: 1°Peljin (Jugosl.) 7/9; 2°Milanta (Genova) 6½; 3°-5°Gagliardi (Pisa), Tozser (Ungheria) e Trajkovski (Jug.) 5; 6°Krause (RFT) 4½; 7°-8°Berni (Sesto S.Giov.) e Clementi (Catania, 77 anni) 3½; 9°Rollandi (SP) 3; 10°Zoppi (SP) 2½

 

Sussidiario D: 1°Centanin (Mestre) 7/9; 2°Balletti (Bologna), Ghiselli (Viareggio) e Coco (Pisa) 6½; 5°-6°Alba (Padova) e Matevski (Jug.) 5; 7°Festa (Torino) 4½; 8°Trevisan (Lerici) 2; 9°Di Barbara (SP) 1½; 10°Garvani G. (SP) ½

 

Sussidiario E: 1°Meo (Roma) 8½/9; 2°-3°Caroti (Viareggio) e Glidewell (USA) 6½; 4°Piaggi (Lerici) 6; seguono 14 concorrenti

 

Torna agli scacchi a La Spezia

Torna alla home page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs