1959 - 6°Festival Internazionale di La Spezia

 

Il festival scacchistico spezzino, giunto alla sesta edizione, vede i sessantotto partecipanti divisi in sei interessanti tornei, tutti molto combattuti e dall’esito incerto. Gli jugoslavi hanno fatto la parte del leone, aggiudicandosi tre tornei, ma tra i protagonisti anche un lussemburghese, terzo nel magistrale, ed un tedesco. I nostri rappresentanti si sono difesi onorevolmente nei tornei minori, cogliendo una splendida affermazione con Giannoni nel Sussidiario D. Il torneo Principale, composto da dieci maestri, ha visto in gara il futuro grande maestro Ciric, solo quarto, superato dai due forti connazionali, dal lussemburghese e dal nostro Tatai. All’ultimo turno colpo di scena clamoroso, con Fricker che infligge l’unica sconfitta a Lukic, costringendolo a dividere il primo premio.

Il Sussidiario A è stato caratterizzato dalla affermazione del futuro grande maestro Damjanovic, contrastato validamente da tre "vecchie" conoscenze dei nostri tornei, Boskovic, Karaniac e Zichichi. Quest’ultimo ha subito l’unica sconfitta a forfait, richiamato a Roma durante il secondo turno. Nessuno dei partecipanti, tutti candidati maestri, ha ottenuto la promozione a maestro, fissata a 6½ su 8. Un decimo partecipante, D’Augusta, si è ritirato dopo il quarto turno.

Il Sussidiario B ha visto la situazione chiarirsi solo all’ultimo turno, con la vittoria del tedesco Hottes su Donato Pace che manca quindi la promozione a candidato maestro. Gli altri quattro spezzini occupano le ultime posizioni, e tra loro solo Da Pozzo riesce ha strappare qualche patta ai cinque forti stranieri.

Il Sussidiario C, di pari forza al B, vede una doppietta slava, e una buona prestazione di Vaselli e Giaume. L’altro spezzino Bolelli batte il terzo classificato Tommaseo, facendogli mancare la promozione a candidato maestro.

Il Sussidiario D è vinto da Giannoni. L’importanza di questa affermazione, completata dalla promozione a categoria nazionale, è data dalla forza dei giocatori piazzatisi ai posti d’onore, l’ungherese di Firenze Kraus e i due fiorentini Di Vincenzi e Cambi, tre elementi di forza magistrale. Molto bene anche Vittorio Garvani, 18 anni, rodato dal campionato giovanile di inizio anno. L’esperto Carnovalini è al 50%, mentre in crescita appare Zoppi.

Il Sussidiario E, il più debole, vede il giovane Signori al quarto posto, mentre gli altri spezzini occupano in blocco la parte bassa della classifica.

Un torneo lampo riservato ai soli stranieri e ai maestri, ha visto il successo di Ciric e Nikolic con 17 su 21.

 

6°San Giuseppe spezzino, 14-22 marzo 1959

 

Torneo Principale

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

 

1

Lukic (Jugoslavia)

X

1

½

1

½

1

1

0

1

1

7

2

Tomovic (Jugoslavia)

0

X

1

1

1

1

0

1

1

1

7

3

Besser (Lussemburgo)

½

0

X

1

1

0

1

1

1

1

4

Tatai (Roma)

0

0

0

X

1

1

0

1

½

1

5

Ciric (Jugoslavia)

½

0

0

0

X

1

1

1

½

0

4

6

Magrin (Vicenza)

0

0

1

0

0

X

½

1

½

1

4

7

Seitz (Argentina)

0

1

0

1

0

½

X

1

½

0

4

8

Fricker (Francia)

1

0

0

0

0

0

0

X

1

1

3

9

Nestler (Roma)

0

0

0

½

½

½

½

0

X

1

3

10

Siveri (Reggio Emilia)

0

0

0

0

1

0

1

0

0

X

2

 

Torneo Sussidiario A

1

2

3

4

5

6

7

8

9

 

1

Damjanovic (Jugosl.)

X

½

0

½

1

1

1

1

1

6

2

Boskovic (Jugoslavia)

½

X

½

0

½

1

1

1

1

3

Karaniac (Jugoslavia)

1

½

X

½

½

1

1

0

1

4

Zichichi (Roma)

½

1

½

X

0

1

½

1

½

5

5

Kapic (Jugoslavia)

0

½

½

1

X

0

1

1

1

5

6

Nikolic (Jugoslavia)

0

0

0

0

1

X

0

1

1

3

7

Scocco (Rovigo)

0

0

0

½

0

1

X

0

1

8

Giubbolini (Imperia)

0

0

1

0

0

0

1

X

0

2

9

Tamburini (Bologna)

0

0

0

½

0

0

0

1

X

 

Torneo Sussidiario B

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

 

1

Hottes (Germania)

X

½

1

1

½

½

½

1

1

1

7

2

Kindij (Jugoslavia)

½

X

0

½

1

1

½

1

1

1

3

Pace D. (La Spezia)

0

1

X

0

½

1

1

½

1

1

6

4

Andjelkovic (Jugosl.)

0

½

1

X

0

½

½

1

1

1

5

Ivkovic (Jugosl.)

½

0

½

1

X

½

½

1

½

1

6

Peljin (Jugoslavia)

½

0

0

½

½

X

½

1

1

1

5

7

Da Pozzo (La Spezia)

½

½

0

½

½

½

X

½

0

1

4

8

Pace A. (La Spezia)

0

0

½

0

0

0

½

X

1

1

3

9

Ferrari (La Spezia)

0

0

0

0

½

0

1

0

X

1

10

Maloberti (La Spezia)

0

0

0

0

0

0

0

0

0

X

0

 

Torneo Sussidiario C

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

 

1

Milicevic (Jugosl.)

X

1

½

0

1

1

1

1

1

1

2

Stojanovic (Jugosl.)

0

X

½

1

½

1

1

1

½

1

3

Tommaseo (Italia)

½

½

X

0

1

1

1

1

1

0

6

4

Korosec (Jugosl.)

1

0

1

X

½

0

1

½

0

1

5

5

Cottarelli (Parma)

0

½

0

½

X

0

1

1

½

1

6

Vaselli (La Spezia)

0

0

0

1

1

X

½

0

1

1

7

Giaume (La Spezia)

0

0

0

0

0

½

X

½

1

1

3

8

Milanta (Genova)

0

0

0

½

0

1

½

X

0

1

3

9

Strumbel (Jugosl.)

0

½

0

1

½

0

0

1

X

0

3

10

Bolelli (La Spezia)

0

0

1

0

0

0

0

0

1

X

2

 

Torneo Sussidiario D

1

2

3

4

5

6

7

8-16

 

1

Giannoni (La Spezia)

X

½

½

½

1

1

1

3

2

Krausz (Firenze)

½

X

½

1

½

1

½

3

Di Vincenzi (Firenze)

½

½

X

½

½

1

1

2

6

4

Cambi (Firenze)

½

0

½

X

½

-

0

4

5

Garvani V. (La Spezia)

0

½

½

½

X

0

½

3

5

6

Grazioli (Piacenza)

0

0

0

-

1

X

-

4

5

7

Ian (Jugoslavia)

0

½

0

1

½

-

X

3

5

Seguono: 8°-10°Carnovalini (SP), Schmalz (MI) e Zeleznikar (Jugo) 4½; 11°-12°Ronchieri (MS) e Zoppi (SP) 4; 13°Di Barbara (SP) 3½; 14°Bertolini (SP) 2½; 15°-16°Ambrosi (SP) e Rollandi (SP) 2

 

Torneo Sussidiario E: 1°-2°Ferraris (Viarigi) e Simcic (Jugoslavia) 9/11; 3°D’Amico (Carrara) 8; 4°Signori (SP) 7½; 5°Maggi (Cuorgnè) 7; 6°Ghiselli (Viareggio) 5½; 7°-8°Garvani G.(SP) e Soldani (SP) 4½; 9°-10° Gattini (Carrara) e Piaggi (SP) 4; 11°Ellena (SP) 3; 12°Bonifacio (SP) 0

 

Torna agli scacchi a La Spezia

Torna alla home page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs