2°Campionato italiano a squadre, Lerici 1960


"Per la seconda volta, la perla del Golfo dei Poeti, che per noi sta diventando il Golfo degli Scacchisti, ha ospitato degnamente il fior fiore dei giocatori italiani che stanno, ormai, diventando popolari fra i forti marinai della cittadina ligure". Questo brano presenta sulla rivista "L’Italia Scacchistica" il 2° Campionato italiano a squadre, ancora una volta organizzato a Lerici da Pace, tra il 31 ottobre e il 4 novembre. Le squadre aumentano da undici a quattordici, e vengono suddivise in due gironi da sette, che assegnano i titoli di serie A e serie B. Se il numero dei partecipanti non aumenta sensibilmente rispetto all’anno precedente, il livello tecnico è eccellente, con ben 18 maestri in gara

Il campionato di serie A vede la grande rivincita di Napoli, beffata dai romani lo scorso anno, quest’anno ha dominato il torneo grazie a giocatori della forza di Porreca e Scafarelli. I romani hanno disperso i loro assi in tre formazioni, e questo gli è costato caro. La squadra di Trieste, guidata dal neo campione italiano Cappello, autore di un buon 5/6, ha colto un ottimo podio, mentre Milano ha deluso per il secondo anno consecutivo.

Ecco le formazioni della serie A:

Accademia Napoli: Porreca, Scafarelli, Trezza, Del Vecchio e Busco;

Comunali Roma: Tatai, Zichichi, Fricker, Primavera R. e Ferri;

Trieste: Filipovic, Cappello, Daveglia, Cadelli e Caprio;

Accademia Romana: Giustolisi, Nestler, Majenza e Glidewell;

Milanese: Bonfioli, Castiglioni, Ferrantes, Bertolasi e Micozzi;

Dal Verme Roma: Calapso, Ornstein, Boschetti, Palombi e Pane;

Centurini Genova: Romi, Grassi, Molinari e Trombetta.

E parliamo del successo spezzino in serie B, che non dobbiamo pensare sia di scarso valore, perché in serie B giocavano elementi di primissimo piano, uno su tutti il maestro internazionale Paoli. E proprio della squadra di Reggio Emilia bisogna parlare: giunta a Lerici con tre soli giocatori, è stata inserita naturalmente in serie B, dove però, grazie alla forza dei tre elementi, è riuscita a vincere diversi incontri per 3-1. Nello scontro decisivo con La Spezia veniva incredibilmente sbriciolata con un netto 4-0, grazie alle vittorie di Lamberti su Paoli, di Pace su Vittiglio e di Vittorio Garvani su Trincardi. Gli altri avversari di La Spezia sono stati surclassati facilmente, per un risultato finale di sei incontri vinti su sei! Ma ricordiamo i nomi di giocatori di rango come D’Augusta, Fazzi, Benzi, Milanta e Vanni per gli Amatori Genova, Gai, Battaggia, Silli, Perelli e Pistone per Torino. Un bravo a Carrara, che ha saputo raccogliere molti punti, con Gattini, D’Amico, Pennacchiotti, Puliti e Soldati., mentre il neonato circolo di Lerici si è forse fatto tradire dall’emozione, anche se i suoi elementi, Lupi, Modena, Baino, Ambrosini e Rigola, erano tra tutte le squadre gli unici rappresentanti delle categorie inferiori, a parte i milanesi della Cassa di Risparmio.

I punteggi degli spezzini sono ottimi: Vaselli 3/4, Lamberti 5½/6, Pace Antonio 4½/5, Vittorio Garvani 6/6, Giorgio Garvani 1½/2 e una vittoria a forfait.

Lerici, camp.it. 1960, serie A

1

2

3

4

5

6

7

 

1

Accademia Napoli

X

2

3

4

17½

2

Comunali Roma

½

X

1

3

1

4

4

13½

3

Triestina

3

X

2

2

2

13

4

Accademia Roma

2

1

2

X

3

2

12½

5

Milanese

1

3

2

1

X

2

10½

6

Dal Verme Roma

0

2

2

X

3

10

7

Centurini Genova

0

0

2

1

X

7

 

Lerici, camp.it. 1960, serie B

1

2

3

4

5

6

7

 

1

Marina La Spezia

X

4

4

4

21½

2

Amatori Genova

½

X

2

1

4

14½

3

Torinese

2

X

1

2

4

4

14½

4

Accad. Reggio Emilia

0

3

3

X

2

3

13½

5

Carrarese

0

½

2

2

X

4

12

6

Lericino

½

0

0

0

X

2

4

7

Cassa Risp. Milano

0

½

0

1

½

2

X

4

 

Torna agli scacchi a La Spezia

Torna alla home page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs