Topi

 

Giocatore romano (prima metà de XIX secolo). Negli anni 1820-25 era uno degli assidui frequentatori dell'Accademia, sita ai "Pastini". Tra il 1820 e il 1821 il Topi divenne improvvisamente famoso per aver sconfitto il modenese Bianchi. Dubois narra che il Topi, impiegato di dogana, fosse uomo molto pio: tutte le sere verso l'una di notte usciva in processione dall'oratorio del Caravita insieme ad altri confratelli. A scacchi era molto forte; Dubois ricorda una partita cominciata bene ma persa per la maggiore esperienza e profondità del Topi. Si batté con Luchini che lo aveva sfidato per salir di classe; ne perse di colpo cinque ma poi si rifece ed arrivarono entrambi a 10. Nel 1840 il Topi, ormai vecchio, perse con Wyvill che nel 1851 sarebbe arrivato secondo a Londra dietro Anderssen. Morì, assai vecchio nel 1858 o 1859.

 

Torna a I migliori italiani di sempre

Torna alla Home Page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs