Giovanni Leonardo da Cutro

 

Cutro 1542 c. - 1587 c.

Leonardo di Bona, detto "Il Puttino" per la bassa statura, era studente in legge a Roma nel 1560 quando ebbe modo di giocare contro Ruy Lopez, uscendone sconfitto. Perse ancora col sacerdote spagnolo in occasione della visita fatta da questi a papa Gregorio XIII nel 1572. Conobbe Paoli Boi a Napoli in casa del principe don Fabrizio Gesualdo dove si giocava a scacchi. Una scorreria saracena catturò suo fratello che egli liberò sconfiggendo a scacchi il rais e vincendogli anche 200 "ducatoni". Accompagnato dal domestico, Giulio Cesare Polerio partì, via mare, alla volta di Madrid, intenzionato a prendersi la rivincita su Ruy Lopez. A Genova si innamorò di una giovane De Giorgi con la quale scambiò proposta di matrimonio. Lasciato il Polerio a Genova ripartì da solo facendo tappa a Marsiglia e a Barcellona dove incontrò il Rosces che, con Giovanni Rodriguez, lo accompagnò a Madrid. Durante il viaggio, avvenuto nell'ultimo tratto su un carro, con gli scacchi vinsero soldi a un paio di locandieri. A Madrid fu alloggiato presso donna Isabella, conoscente del Rosces e infine giocò con Lopez a 50 scudi alla partita riuscendo nel complesso vincitore. Filippo II volle vederli giocare a corte. Alla sfida, avvenua nell'agosto del 1575, Lopez fu accompagnato da un grande di Spagna e Leonardo dal conte Crancione. Leonardo vinse e il re gli diede 1000 scudi, un gioiello raffigurante una salamandra ornato di pietre preziose, una pelliccia di zibellino e chiese di esprimere un desiderio. Leonardo chiese che Cutro fosse esentata dalle tasse per il tempo che il Re avrebbe deciso; Filippo II decise per vent'anni. A Madrid fu raggiunto dal Polerio, che gli portò la notizia della morte della morte della promessa sposa e di Paolo Boi, venuto anche lui a cimentarsi con i giiocatori spagnoli. Leonardo, sofferente, ripartì alla volta del Portogallo dove, alla corte di re Sebastiano, sconfisse il Moro, il più forte giocatore locale. Anche re Sebastiano lo ricolmò di doni. Nel suo soggiorno a Lisbona sconfisse anche Paoli Boi, che nel frattempo l'aveva raggiunto. Tornò in Italia trovando un'occupazione a Napoli come agente del principe di Bisignano. Tra il 1582 e il 1586 si batté ancora col Siracusano davanti al viceré di Ossuna con esito pari. Morì avvelenato all'età di 45 anni.

 

Torna a I migliori italiani di sempre

Torna alla Home Page

La grande storia degli scacchi
Chess History
Schach Geschichte
Histoire des Echecs